William Wegman


From: 2003-06-11
To: 2003-07-25


La Galleria Cardi & Co è lieta di annunciare la mostra personale di William Wegman in cui verranno presentati una serie di quadri di grande formato. L’artista, nato a Holyoke (Massachusetts) nel 1943 vive e lavora tra New York e il Maine.

Wegman ha una preparazione artistica tradizionale, si è diplomato in pittura nel 1965 al Massachusetts College of Art di Boston ed in seguito laureato in arti visive presso la University of Illinois. L’artista ha dato seguito ai suoi studi con esperienze di pittura, scultura, fotografia e video-art. La sua attività ha spaziato nelle esperienze legate all’arte concettuale e alla performance, come d’altronde hanno fatto molti artisti della sua generazione, ma si è differenziato dagli altri artisti attivi tra la fine degli anni Sessanta e i primi Settanta per la sua componente narrativa ironica e quasi irrazionale.

La tecnica utilizzata da Wegman consiste nell’incollare cartoline su pannelli o su fogli di carta e dipingere poi tra ogni immagine dei paesaggi che fungono da collegamento. Il risultato è una cartolina dalle proporzioni gigantesche in cui i paesaggi raffigurati si mescolano e si intersecano in maniera quasi dadaista. Queste opere riescono a coinvolgere la vista in maniera totale, per le notevoli dimensioni, i colori vividi ed i paesaggi incredibili.

Il percorso creato dall’artista porta lo spettatore in un mondo fantastico, quasi onirico, in cui il passaggio da un ambiente all’altro appare pittoricamente plausibile, ma geograficamente inconsistente. Infatti luoghi molto distanti uno dall’altro sono riuniti e connessi sulla stessa superficie, dando così la possibilità di viaggiare da un continente all’altro senza muoversi di un passo. I dettagli sono infiniti, l’accuratezza delle immagini rasenta l’iperrealismo, la spensieratezza dei panorami richiama le illustrazioni delle favole di viaggio. Con questi lavori Wegman dimostra di rimanere uno sperimentatore capace di improvvisare tecniche diverse e di incorporare spazi normalmente distanti uno dall’altro.

© Galleria Cardi